Articoli con Tag ‘Iran’

La Palestina in Europa

La scorsa settimana l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha accolto lo “Stato della Palestina” come membro osservatore, con il voto favorevole del Governo italiano che si ritrova così dalla parte della vasta schiera di paesi non allineati, dittature e regimi fondamentalisti, oltre che di una certa Europa filoaraba.

Molti sperano che questo “Stato della Palestina” adirà le vie legali della Corte Penale Internazionale per sanzionare Israele. A me sembra, invece, che qualsiasi nuovo Stato degno di questo nome non possa non sottoscrivere e applicare tutti i principali strumenti del diritto internazionale. Quid della pena di morte in Palestina? Cosa succederà agli ebrei, in quei territori?

Una cosa è certa: scavalcare i negoziati bilaterali rimette in discussione tutti gli accordi precedenti tra Israele e Autorità Palestinese, a partire da quelli di Oslo.

Mentre Abu Mazen ed i suoi incassano il riconoscimento di carta dell’Onu, che non cambia la realtà sul terreno, Hamas continua a ricevere missili dall’Iran ed ha guadagnato dopo l’ultimo conflitto importanti sponde diplomatiche nel mondo arabo.

Finché l’Autorità palestinese non tornerà a trattare con lo Stato di Israele, sarà impossibile garantire la tregua raggiunta al Cairo e riprendere il processo di pace.

Libertà in Iran e la questione sudanese

Ultimamente mi sono occupato di vari argomenti all’ordine del giorno in Europa, fra cui quella delle libertà civili in Iran (dove la sharia, o legge coranica, è attiva) e della questione del Sudan. Sotto troverete un mio intervento a riguardo della difficile situazione sudanese. Per quanto riguarda l’Iran vi rimando alla sezione comunicati stampa perchè mi pareva fosse necessario denunciare un caso eclatante ed indegno di un paese civile: scopritelo!
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=d7T6VDjnQzc&w=420&h=315]

Iraniani condannati a morte per aver bevuto alcool

Fiorello Provera, Vicepresidente della Commissione Affari Esteri del Parlamento europeo, ha interrogato l’Alto Rappresentante Ashton sulla condanna a morte di due iraniani per aver bevuto alcolici. La sentenza verrá eseguita a breve, visto che il procuratore generale della provincia di Khorasan Razavi ha annunciato che i funzionari stanno lavorando ai preparativi per eseguire l’ordine di esecuzione.

Fiorello Provera ha dichiarato: “La condanna a morte di due persone per aver consumato alcolici dimostra tutto il disprezzo del sistema giudiziario iraniano per la vita umana. Mi appello all’Unione europea affinché usi tutti i sui mezzi a disposizione per sospendere la sentenza di morte e perché l’Iran attui la moratoria sulle esecuzioni capitali come richiesto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite”

Nella Repubblica islamica dell’Iran il consumo di alcol è considerato un crimine contro Dio o hadd e comporta una condanna a morte obbligatoria. I condannati una volta sola ricevono 80 frustate, ma in caso di condanna per la terza volta, la condanna a morte é obbligatoria. Questo è previsto nel codice penale iraniano. Questa norma repressiva non ha impedito il grave e crescente problema di alcolismo in Iran.

La minaccia iraniana

C’era bisogno di qualcuno che ripetesse ancora una volta quale sia l’urgenza di affrontare la minaccia iraniana alla pace del mondo intero? Evidentemente si, come ho fatto in seduta plenaria ad inizio mese.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=-QFJqzgnW64&w=420&h=315]

Come potete leggere il mio intervento ha smosso persino la BBC inglese.. speriamo che smuova anche i miei colleghi e l’europarlamento!

F.